Home » Lavoro, previdenza e assistenza: una ricognizione critica, tra politica e tecnica legislativa, del principio di eguaglianza (continuazione)

Lavoro, previdenza e assistenza: una ricognizione critica, tra politica e tecnica legislativa, del principio di eguaglianza (continuazione)

La regola di eguaglianza è penetrata in tutti i rami del diritto positivo. Questo dato vale, quindi, anche per il diritto del lavoro, che, senza forzature, può essere letto come lo strumento principe di attuazione di quella regola. Alla luce di questi presupposti, si fornirà, dapprima, una ricognizione delle fonti internazionali e nazionali dedicate a questo principio. A tal fine, l’analisi si soffermerà su quell’insieme di norme espressamente individuate sia nella nostra Carta Costituzionale, sia nella legislazione ordinaria.

Sotto questo profilo, una specifica attenzione occuperà lo studio di quell’insieme di norme di derivazione comunitaria caratterizzanti il recente sviluppo del diritto del lavoro, e che nel complesso compongono il c.d. nuovo diritto antidiscriminatorio. Un altro, e più importante, aspetto della ricerca collegato all’analisi del principio di eguaglianza nel diritto del lavoro consisterà, poi, nello studio di alcuni recenti provvedimenti e proposte di legge al fine di verificarne la compatibilità con il suddetto principio. Così, in particolare, rispetto alla regolamentazione giuridica concernente alcuni specifici “fattori di rischio”, espressione con la quale si intendono quegli elementi della persona suscettibili di determinare trattamenti sperequati nel rapporto di lavoro e quindi

conseguenze penalizzanti per chi ne è portatore. Sotto questo profilo, una specifica attenzione sarà dedicata allo studio dello statuto giuridico del lavoro, previdenziale e assistenziale dello straniero (comunitario ed extracomunitario) e dei nuclei more uxorio quale emerge sia nella legislazione italiana sia in quella di alcuni principali Stati europei ed extraeuropei. Infine, l’analisi finale comparata presenterà, in forma critica e riassuntiva, il quadro delle

diverse esperienze giuridiche studiate.